Come Investire

Cosa Sapere per Investire

Reddito basso ed inflazione sono i motivi per cui non si può non investire oggi. Realizzare i propri progetti è il motivo per cui invece si deve investire. Nasce quindi l’esigenza di capire in che cosa si deve investire.

In genere gli italiani prediligono gli investimenti cosiddetti “sicuri” e ritengono l’investimento in  immobili quello più sicuro. L’investimento immobiliare ha invece delle grosse problematiche: un immobile ha costi molto alti, come le tasse e le spese di manutenzione. Inoltre si svaluta nel tempo se è in un luogo da cui la gente emigra, come il Sud Italia. Altro problema è che è il prezzo di vendita non coincide quasi mai con quello che il proprietario dell’immobile richiede, ma è quasi sempre minore. Lo stesso vale per il l’affitto mensile. Infine i tempi di vendita sono sempre piuttosto lunghi. La media in Italia della vendita di un immobile è intorno agli 8 mesi. Tutte queste problematiche rendono oggi l’investimento in immobili né economicamente conveniente, ne sicuro, né liquido.

Il mercato immobiliare in Italia

Il Sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia viene realizzato trimestralmente grazie alla collaborazione tra Agenzia, Banca d'Italia e Tecnoborsa. Esso fotografa in maniera dettagliata il mercato degli immobili in Italia. In base all'ultimo sondaggio c'è un grosso divario fra prezzi offerti e domandati. Dal 2017 inoltre gli incarichi di vendita degli immobili sono diminuiti. Secondo il sondaggio fatto tra le agenzie immobiliari sulle condizioni del mercato il mercato dopo essersi ripreso dalla crisi del 2011-2012 dal 2017 ha ripreso a scendere. Nei prossimi anni ci si aspetta che il mercato immobiliare continui la sua discesa

Le Tipologie di Investimento che Creano Valore

Nasce quindi la necessità di spostarsi su altre tipologie di investimento. Gli strumenti su cui investire sono principalmente 4: Azioni, Obbligazioni, Oro e Liquidità. 

Azioni: sono una parte del capitale di una società. Rappresentano una pezzo di un’azienda e si muovono in base all’andamento di quella società. Se la società guadagna salgono, se la società perde scendono.

Obbligazioni: non sono altro che dei prestiti. Una società, o uno stato, emette un’obbligazione se ha bisogno di soldi. In cambio chi presta il denaro ha un interesse e gli viene restituito alla scadenza il capitale investito. Le obbligazioni, come le azioni, sono quotate e il loro prezzo varia. La variazione del loro prezzo è in funzione delle obbligazioni successive: se ad esempio ne vengono emesse di nuove con le stesse caratteristiche ma con tasso di interesse più alto, il valore di quelle già emesse, che hanno tasso più basso, scende perché tutti vorranno le nuove obbligazioni. Il valore salirà invece se le nuove emesse hanno tasso di interesse più basso.

Oro: è il bene rifugio per eccellenza. Viene comprato in grandi quantità quando le borse scendono. In questi casi infatti gli investitori si spostano su di esso, rendendolo perfetto per diversificare. Il suo valore tende a rivalutarsi nel tempo a causa della sua scarsità

Liquidità: sono gli investimenti in titoli di stato a breve scadenza e il contante e il denaro sul conto corrente. I titoli di stato a breve danno rendimenti bassissimi, in alcuni casi negativi. Se la liquidità è tenuta in contante o sul conto è destinata ad essere svalutata dall’inflazione. Anche l’investimento in liquidità è un investimento: scegliere di non investire è infatti matematicamente un investimento che porta sempre a perdere denaro

Di seguito sono riportati gli andamenti dei prezzi di azioni, obbligazioni, oro e titoli di stato negli ultimi 10 anni

Rendimenti-Asset-Class

I dati dei rendimenti reali degli ultimi 10 anni mostrano chiaramente che il migliore investimento che si potesse fare è stato quello azionario. Un investimento fatto nel 2010 sul mercato azionario mondiale (composto dalle più importanti società del mondo) sarebbe più che triplicato guadagnando un 239% in più. L’investimento in oro sarebbe raddoppiato, guadagnando un 101% in più, mentre l’investimento in obbligazioni societarie avrebbe guadagnato solo un 19,2%. I titoli di stato avrebbero guadagnato solo il 14%.

Essendo l’inflazione aumentata negli ultimi 10 anni del 27,5% (vedi Finanza Personale) un investimento in titoli di stato avrebbe avuto un rendimento negativo. Le cedole dei BTP o dei Buoni Postali non avrebbero ricoperto la svalutazione del capitale data dall’inflazione.

Il Rapporto Rischio/Rendimento

I dati ci dicono che l’investimento azionario è vincente, mentre quello in titoli di stato è negativo. Le persone però hanno paura di investire in azioni. Questo a causa di quello che leggono e sentono dagli organi di informazione, che danno molta più attenzione al mercato quando c’è un crollo rispetto a quando va tutto bene. I periodi in cui il mercato cresce sono però molti di più e fanno guadagnare molto di più rispetto ai periodi in cui ci sono crolli. Quindi non possiamo più parlare di rischio, perchè sappiamo dai dati che nel lungo periodo l’investimento azionario è sempre positivo. Per l’investimento azionario dobbiamo parlare di oscillazioni.

Purtroppo spesso si da maggiore attenzione all’oscillazione delle azioni nel breve termine piuttosto che al rendimento nel lungo. Ma se c’è qualcosa che in finanza è assolutamente certo è la relazione rischio/rendimento: più un’attività è rischiosa e maggiore sono i rendimenti che ci si può attendere. Questo è insito nella natura umana: se mi prendo più rischi voglio essere ripagato di più di quanto sarei ripagato se non ne prendessi.

Per questo l’investimento in azioni permetterà di ottenere un maggiore ritorno rispetto a quello in obbligazioni, a fronte però di un oscillazione del mercato. Ma come abbiamo visto dal grafico in un periodo di tempo abbastanza lungo il mercato è sempre positivo. Questo significa che anche se nel breve posso prendere un rischio, se detengo per un certo periodo di tempo l’asset azionario questo mi ripagherà certamente. Ecco allora che diventa importante conoscere le Regole d’Oro per fare un investimento

Conoscere i Rendimenti Reali Ti Aiuta ad Investire

Prima di effettuare delle scelte di investimento dobbiamo capire quanto possiamo aspettarci da un investimento. L’investimento immobiliare per le ragioni elencate non è più conveniente. Se si vogliono ottenere dei rendimenti ci si deve spostare verso altri tipi di investimenti. Avere una giusta consapevolezza del rapporto rischio/rendimento è la base per diventare investitori di successo

Ci sono 4 macrocategorie di asset

Ogni categoria si muove in modo diverso, ha cioè delle oscillazioni più o meno ampie

Sono le oscillazioni che portano i rendimenti

Richiedi una Consulenza Gratuita

Vuoi saperne di più sul mondo degli investimenti? Vuoi raggiungere i tuoi obiettivi finanziari? Vuoi analizzare un investimento che stai già facendo e capirne meglio gli aspetti? Per qualsiasi domanda tu abbia relativamente agli aspetti finanziari della tua vita OTTIENI CONSULENZA GRATUITA ED UNISCITI AL GRUPPO DEGLI INVESTITORI CHE SI FANNO AIUTARE DALLA CONOSCENZA FINANZIARIA